Passa ai contenuti principali

Book Blogger Hunt - ottava tappa!




Come vi avevo già annunciato, quest'anno Inside a Book partecipa alla Book Blogger Hunt. Se volete sapere esattamente di cosa si tratta vi rinvio al post introduttivo, in cui potrete trovare tutte le informazioni di cui avete bisogno per partecipare al super giveaway finale.
Se volete leggere l'intervista che mi è stata fatta da Jerry, del blog Libri in pantofole, la trovate QUI.  Inoltre spero che siate riusciti ad individuare il  suo numero preferito. In caso contrario ve lo dico io: 4

Facciamo un rapido recap delle regole?
La BBH  è iniziata il primo maggio e terminerà il 15. Alla fine della catena di interviste, dovrete compilare un form per partecipare al super giveaway, ma attenzione: ogni giorno saranno pubblicate due interviste, voi dovrete raccogliere tutti i numeri preferiti che troverete nelle interviste. Questi numeri vi serviranno per ottenere un codice che vi permetterà di partecipare alla fase finale.
Inoltre potete guadagnare punti extra:

  1. seguendo e commentando questo e gli altri post della catena (3 punti per commento)
  2. aggiungendo il banner dell'iniziativa (il cui codice troverete nel post introduttivo) al vostro blog (4 punti)
  3. condividendo il post d'introduzione e i vari post su facebook o twiter, segnalando il link nel vostro commento (4 punti per condivisione-)
Io ho avuto l'onore di intervistare Lara del blog Stelle nell'Iperuranio: abbiamo fatto una bella chiacchierata e ho scoperto un mucchio di cose interessanti su di lei.
Mi raccomando, segnatevi il mio numero preferito.
Buona lettura!


1. Ciao Lara! Benvenuta su Inside a Book. Raccontaci qualcosa di te.
Grazie mille Rosy, è un piacere essere qui con te! Mi chiamo Lara ed ho trenta e + anni (una signora non rivela mai l’età, ho anche detto troppo :P), sono laureata in Ingegneria delle telecomunicazioni ma svolgo mansioni da Ingegnere Meccanico, di conseguenza lavoro in un ambiente prettamente maschile, adoro leggere fin da quando ho memoria e i libri sono stati i miei compagni da allora, una passione che condivido con i miei genitori e le mie amiche. Vivo una piccola cittadina di mare, che adoro soprattutto di inverno, quando non è affollata di turisti, con le montagne alle sue spalle, per me è un piccolo paradiso terrestre.

2. Come nasce l'idea di aprire Stelle nell'Iperuranio? Ti va di presentare il tuo blog a quelli che ancora non lo conoscono?
Navigando in rete alla ricerca di informazioni su un libro che avevo scorto in libreria ho iniziato a imbattermi nei primi blog letterari, circa due anni fa, ed ho iniziato a frequentarli. Ad un certo punto mi sono resa conto che non mi bastava più solo commentare i pensieri altrui ma sentivo l’esigenza di avere un posto tutto mio dove esprimere la mia opinione senza limitazioni di caratteri, immagini e musica, da qui è nata l’idea di aprire un mio piccolo blog. Un angolino nello spazio immenso del web in cui esprimo liberamente le mie opinioni sui libri che leggo e sui libri in uscita e in cui concedo anche molto spazio ai giovani autori italiani alle prese con le loro prime pubblicazioni. Il mio blog non ha mirabolanti rubriche e sostanziosi giveaway è solo un piccolo angolo del mio universo che condivido con chiunque voglia farne parte.

3. Come nasce la tua passione per la lettura? E qual è il libro in assoluto che preferisci?
Come ti dicevo a quel che ricordo ho sempre letto e fin da piccola mi sono stati regalati tantissimi libri di favole, non solo quelle più scontate ma anche quelle meno note, tutti libricini e libroni che conservo tuttora. Molto credo sia anche dipeso dal fatto che abbia sempre visto i miei genitori leggere, in casa libri, riviste e quotidiani non mancano mai. Scegliere un libro è praticamente impossibile, forse quello che più di tutti ho nel cuore e che annualmente rileggo è sicuramente Piccole Donne, il mio primo libro da grande, mi è stato regalato che avrò avuto 7/8 anni.

4. Piccole donne! E' stato anche il mio primo libro "serioso". E se ti chiedessi di salvare solo 3 libri, quali sarebbero? 
Ahi è come chiedere ad una mamma di scegliere il suo figlio prediletto! Escludo i fantasy poichè la stragrande maggioranza fa parte di serie e trilogie! Allora dico Piccole donne, Via col vento e Dieci piccoli indiani.

5. Invece, quali sono i 3 libri che proprio non ti sono piaciuti? 
L’archeologo di Arthur Phillips, decisamente un acquisto impulsivo per un libro sconclusionato, almeno per me. Inheritance di Paolini, peccato perché la serie era partita bene con il primo libro ma i successivi tre sono dei tomi assurdi di costo non indifferente. Ho il tuo numero della Kinsella, io adoro i chick lit, a volte mi piace leggere libri che sono certa finiranno bene, divertenti e anche un po’ scontati, di quest’autrice ho letto tutti i libri e purtroppo devo dire che peggiorano sempre di più, quest’ultimo non lo ricordo per niente ed è grave visto che ricordo tutti i libri che leggo.

6. Hahahah, non deve proprio esserti piaciuto allora, parlando di lieto fine e di storie d'amore....Sono curiosa, se il tuo ragazzo fosse uno dei protagonisti dei libri che hai letto,sarebbe.....
Anche se adoro Bryce Vanderberg, della serie Black Friars di Virginia de Winter, purtroppo lui è un misogino convinto che vede le donne come il fumo negli occhi quindi mi accontenterei del fratello, Axel Vanderberg, in questo caso però dovrei intraprendere una battaglia agguerrita con la sua fidanzata storica Eloise!

7. Beh...Buona fortuna, Eloise non è una che si arrende facilmente...Invece quali sono le eroine che più si avvicinano al tuo modo di essere?
Troppo scontato se dico Jo March? In realtà in ognuna delle sorelle March rivedo qualcosa di me! Poi Gwendolyn della Trilogia delle gemme, così imperfetta, e Emma di Un giorno con la sua paura di amare.

8. Beh....non poteva che essere Jo....anche io l'adoro! Ora ti chiedo: se fossi un romanzo saresti.... E finalmente ti dirò addio di Lauren Oliver, mi sono ritrovata completamente nella protagonista, avrei agito nello stesso identico modo ed alla fine ho pianto come una bambina con le lacrime che cadevano sul foglio.

9. Ho letto molte recensioni positive di questo libro, è ora che me lo procuri.
Quali sono gli ultimi 3 libri che hai letto? Li consiglieresti?
E se fosse quello giusto della Phillips, lo consiglierei per una settimana di vacanza in spiaggia, da leggere sotto l’ombrellone. La Maledizione di Ondine di Valentina Barbieri, consiglio assolutamente, mi ha sorpreso e conquistato, l’ho finito in un giorno. Sull’Orlo del Vespro di Amina Havet è una lettura piacevole ma per un pubblico piuttosto giovane.

10. I libri della Barbieri e della Havet sono nella mia lista dei libri da leggere...a proposito di autori italiani, ho visto che il tuo blog ha una sezione dedicata al self publishing italiano. E' ammirevole la volontà di mettere in luce autori che non godono della stessa pubblicità che avrebbero se fossero presi in considerazione dalla grandi case editrici. A questo punto, voglio sapere quali sono i 3 libri autopubblicati che consiglieresti di leggere ai nostri lettori.
Ti ringrazio, questa rubrica mi sta permettendo di conoscere ed instaurare tanti bei rapporti di amicizie libresche. La Maledizione di Ondine, un libro completamente diverso da come lo immaginavo. L’origine del peccato una rivisitazione del mito dell’eden e del peccato originale assolutamente inedita e molto diverso dai soliti YA, peccato l’onnipresente triangolo. Il diario di Isabel, una Buffy nostrana con una buona dose di erotismo

11.Bene, abbiamo più o meno gli stessi gusti: la trilogia del peccato è piaciuta tatissimo anche a me e sto aspettando con ansia l'ultimo capitolo! Prima di concludere, dicci 3 motivi per cui consiglieresti di seguire Stelle nell'Iperuranio. 
Ci ho pensato a lungo e la conclusione a cui sono giunta è che il blog è una parte di me, se volete conoscermi meglio allora passate a trovarmi sarò felice di parlare con voi di libri ma anche di musica, film, o qualsivoglia argomento vi salti in mente!

Ecco questa è Lara, che ringrazio tantissimo per essere passata dal mio salottino. Avete segnato il mio numero preferito? Bene, allora l'appuntamento è per domani su  Stelle nell'iperuranio. Ricordatevi di segnare il suo numero preferito e di commentare!





Commenti

  1. Bellissima intervista! Devo dire che condivido molto con Lara di Stelle nell'iperuranio che seguo da pochissimo!
    Anche casa mia è invasa di libri e per ora a mio figlio piacciono!

    RispondiElimina
  2. Concordo con Lara, anche a me Inheritance non è piaciuto per niente, anzi sono rimasta parecchio delusa, perchè la saga di Paolini mi aveva preso molto e speravo in un finale decisamente migliore...peccato! :/ un conto è quando il primo libro di una saga non piace, perchè in tal caso si interrompe lì la lettura, ma quando è proprio l'ultimo che delude ci si rimane parecchio male!

    RispondiElimina
  3. Bellissima intervista! :) anche io vorrei tanto leggere e finalmente ti dirò addio ma...è molto triste? non ce la faccio a leggere libri troppo tristi :(

    RispondiElimina
  4. ringrazio tantissimo Rosy per la bella intervista che mi ha permesso di condividere con voi un pò dei miei libri preferiti!!

    RispondiElimina
  5. Inheritance...... la mia più grande delusione!! ç_ç Non credo di essere mai stata tanto delusa da un libro come in questo caso! Alla fine se un libro autoconclusivo non ti è piaciuto te ne fai una ragione, ma quando hai tra le mani una serie promettente (e, oserei dire, costosa) e la vedi precipitare non puoi non rimanerci male! Pensa, è l'unico libro della mia libreria che non ho riletto! Paolini si è proprio perso per strada o ha intrapreso ua scorciatoia dissestata! Fino ad Eldest procedeva tutto a gonfie vele poi c'è stata quella lunghissima attesa per Brisingr (che per di più ho acquistato in edizione limitata sperando di incappare in un autografo) e la comunicazione dell'aggiunta di un quarto libro! Se avesse concluso la serie decentemente almeno sarebbe valsa l'attesa! Scusate lo sfogo, purtroppo ho imparato nel modo peggiore a ridurre le aspettative :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te Anna! Inheritance è stata una delle delusioni più grandi! :( se penso a quanto è stato banale e ridicolo il duello finale tra Eragon e Galbatorix, scena più attesa di tutta la saga, (anche perchè stiamo parlando di 4 bei mattoni, non di sottilette!)mi viene una rabbia! >_< per non parlare della conclusione assurda della storia d'amore tra Eragon e Arya...è proprio il caso di stendere un velo pietoso! -.-

      Elimina
    2. avete ragione, una delle più grandi batoste della mia vita di lettrice! dov'è la storia d'amore ventilata per più di mille pagine? dov'è la grande battaglia? ho speso un patrimonio per ritrovarmi con il nulla in mano!

      Elimina
  6. Ah..Inheritance... Ho letto questa serie alle superiori quando non ero ancora una lettrice accanita come adesso perciò ero molto entusiasta dei primi libri. Poi dopo l'uscita del quarto libro ho scoperto i blog letterari e le recensioni erano decisamente pessime quindi ho stoppato la serie al terzo libro. Mi sa che mi c'ha bene =)

    RispondiElimina
  7. Molti spunti interessanti in questa intervista, mi sono annottata qualche libro che hai consigliato...e sicuramente inizierò a seguirti anche sul tuo blog, mi hai davvero incuriosita ;)

    RispondiElimina
  8. Bellissima questa intervista, soprattutto perchè hai citato un mare di libri che io non ho ancora letto o non sapevo che esistevano, per mia colpa, perciò cercherò di procurarmeli tutti.
    Grande idea quella delle interviste, davvero una bella iniziativa.

    RispondiElimina
  9. È difficile che un libro non mi piaccia proprio per niente, ma ce n'è stato uno che mi ha proprio deluso. Sto parlando de Il diario di London Lane. L'ho odiato da tutti i punti di vista. Innanzitutto secondo me la storia non regge di per sé. Poi, i personaggi non sono definiti quasi per nulla, in certi punti ci sono dei salti temporali di mesi e non si riesce a immedesimarsi nella storia anche per questo motivo. Insomma, io non lo consiglio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sarò felice di rispondere ai vostri commenti!

Post popolari in questo blog

Recensione: serie THE DARK ELEMENTS di Jennifer Armentrout

Buon secondo giorno dell'anno.
Oggi voglio parlarvi della nuova serie della Armentrout che è sbarcata in Italia da poco grazie alla Harlequin. The Dark Elements è composta da tre volumi più un prequel. In Italia sono stati pubblicati solo il prequel e il primo volume, per ora, mentre il secondo ho dovuto per forza leggerlo in lingua, perché non potevo proprio aspettare. Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia è previsto in madre patria per il 28 luglio 2015, stando a quello che ci dice Goodreads, per cui dobbiamo aspettare per forza.




Titolo:Dolce come il miele Autore: Jennifer Armentrout
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 114
Prezzo: € 2,49

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il cons…

L'accademia del bene e del male di Soman Chainani

Buon sabato a tutti!
Ieri sono riuscita a finire di leggere L'accademia del bene e del male che mi è stato inviato dalla CE. Colgo l'occasione per ringraziare lo staff della Mondadori che è sempre molto gentile.
L'accademia del bene e del male è un libro bellissimo, non solo per la storia che racconta ma anche per la sua estetica.



Dentro la foresta primordiale  c'è un'accademia del bene e del male.  Ci sono due castelli, due teste gemelle:  uno benigno e l'altro maligno.  Prova a fuggire: le vie son bloccate.  L'unica uscita è una storia di fate
Titolo: L'accademia del bene e del male
Autore: Soman Chainani
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00 €


E MEZZO

Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette …

Recensione: PERCY JACKSON E GLI DEI DELL'OLIMPO - IL LADRO DI FULMINI di Rick Riordan

Buona domenica lettori,
oggi voglio parlavi del primo volume della saga di Rick Riordan, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo.
Inizialmente avevo pensato di raggruppare in un unica recensione il parere sui primi due libri, ma credo che Il ladro di fulmini, come libro introduttivo, meriti un post tutto per se.


Titolo:Il ladro di fulmini
Autore: Rick Riordan
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 363
Prezzo: € 17,00 (Versione tascabile € 5,00)

Trama: Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza …