Passa ai contenuti principali

Recensione: REQUIEM di Lauren Oliver

Buon sabato pomeriggio a tutti,
oggi voglio parlarvi di Requiem della Lauren, terzo e ultimo libro della serie distopica iniziata con Delirium (che io, come molti altri ho A.D.O.R.A.T.O.).
La Oliver ci aveva abituati bene: un inizio col botto e un secondo libro ancora più accattivante del primo, ma pare che abbia perso parecchia della sua verve con la stesura del capitolo conclusivo.



Titolo: Requiem
Autore: Lauren Oliver
Casa editrice: Piemme
Pagine: 336
Prezzo: 17,00 €

Trama: Mi chiamo Lena e sono infetta, perché mi sono innamorata di Alex in un mondo in cui l’amore è considerato una malattia, e come una malattia viene curato. Io e Alex siamo scappati, ma poi ci hanno separati. Io sono andata avanti, ho incontrato Raven e gli altri ragazzi della Resistenza. Ho imparato a combattere per quello in cui credo, a lottare per essere davvero me stessa. E ho incontrato Julian che è il ragazzo più dolce del mondo e mi vuole con sé. Poi però Alex è tornato, quando pensavo di averlo dimenticato, quando mi ero convinta di riuscire a fare a meno di lui. E ora, mentre il mondo attorno a noi cade a pezzi, io sto male, e penso che forse avevano ragione loro: l’amore è davvero una malattia!




In Requiem Lena si trova nel centro di uno scomodissimo, nonchè doloroso, triangolo: la protagonista di Delirium e Chaos ha ritrovato Alex, il suo amato Alex che credeva morto e per cui ha versato tantissime lacrime. Ma Alex non è più lo stesso ragazzo solare e vivace di prima, qualcosa dentro di lui si è rotto a causa delle tremende torture cui è stato sottoposto nelle Cripte. Dall'altro lato c'è Julian, nuovo nelle Terre Selvagge, non abituato alla lotta per la sopravvivenza, innamorato di Lena e sempre pronto a darle il suo sostegno, a capirla, a confortarla. Passato e presente che si mescolano, Alex e Julian, Julian e Alex.
Nello stesso momento Hana sta per sposarsi, è stata curata e ora vive la vita pacifica e tranquilla che le hanno promesso. Sta per sposare il nuovo sindaco di Portland e tutto sembra andare a meraviglia, a parte qualche sogno che ancora turba le sue notti, a parte il senso di colpa, a parte quel marito un po' strano e violento.
Requiem ci offre i punti di vista delle due ragazze: un capitolo dedicato a Lena che ci spiega come molto lentamente si stia muovendo la Resistenza e la difficoltosa vita degli Invalidi, dall'altro Hana, che rappresenta ciò da cui Lena e Alex sono scappati.
Ecco questo è ne più ne meno quello che succede. Cioè nulla.
A lettura conclusa ho pensato che fosse uno scherzo. Ho girato pagina e....i ringraziamenti. I ringraziamenti? Ma come? E la storia?
Requiem è tutta una grande introduzione in cui non succede assolutamente nulla fino alle venti pagine finali che.....ma il finale l'ha scritto o la Lauren ci sta ancora lavorando su?
Sono perplessa. Pare che l'autrice abbia avuto fretta di concludere questa trilogia, fretta di arrivare in fondo, fretta di mettere un punto. Il problema è che non ha concluso un bel niente. Tutto resta in sospeso, eccetto la risoluzione del triangolo, tutto cristallizzato in un confuso fermo immagine.
Ma non è solo questo: l'intera storia non sembra essere stata scritta dalla stessa mano che mi ha fatto emozionare in Delirium e soffrire in Chaos. Lena manca della sua vitalità, del suo mordente, ci racconta quello che le succede e ciò che le sta intorno con freddezza, come se non fosse lei a vivere determinate situazioni: a confronto Hana sembra quasi rivendicare con prepotenza  il ruolo di protagonista.
Beh, una bella delusione.
Effettivamente, a mente fredda, posso anche accettare un finale che non è un finale, per il modo in cui è stato scritto, per l'idea di vittoria e confusione che lascia trasparire. Un finale talmente aperto che lascia spazio a qualsiasi tipo di immaginazione. Come dicono alcuni, (Lara that's for you!) probabilmente la Oliver sbucherà fuori tra qualche anno con un nuovo libro, magari ambientato qualche tempo dopo in cui ci racconta come si sono evoluti gli eventi. Tuttavia, non posso accettare tutto ciò che è venuto prima: troppo monotono, troppo lento, troppo freddo e oggettivo.
Leggendo qualche recensione qui e lì mi sono accorta di non essere una voce fuori dal coro. Accidenti. Mi aspettavo una lettura scoppiettante, avvincente emozionante e invece...niente. Uff!


E MEZZO

Bene, questa è la mia recensione. Ero innamorata di questa saga. Ero pronta a dare un votone enorme all'intero lavoro della Oliver e invece...ahimé....forse ho caricato Requiem di troppa aspettativa. Ma dopo due piccoli capolari come Delirium e Chaos non potevo che aspettarmi di più.
Voi lo avete letto? Che ne pensate? 
Un bacio,



Commenti

  1. Dopo aver letto pareri così discordanti fra loro, sto temporeggiando prima di iniziare questo romanzo. delirium è una delle mie serie preferite, non posso accettare una conclusione mediocre :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io non vedevo l'ora di leggere l'ultimo libro di questa saga, ma poi ho letto le recensioni di Mik e Denise e mi si è ghiacciato il sangue nelle vene....sono partita preparata però sono comunque rimasta perplessa e confusa.

      Elimina
  2. Io non ho proprio cominciato questa serie. Bho, non mi ispira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho iniziata appena prima che uscisse il secondo volume. Ne parlavano tutti benissimo e ho voluto provare....il problema è che me ne sono innamorata e aspettavo con ansia Requiem.

      Elimina
  3. Oooh :( Io non ho ancora iniziato la serie, aspettavo uscisse l'ultimo per partire, ma mi sto smontando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Ti dirò, ci sono molte opinioni contrastanti su Requiem, vedi Sorairo qui sotto, quindi....io ti direi di leggere la serie con tutto l'entusiasmo possibile, ma sapendo che l'ultimo potrebbe anche non essere all'altezza dei primi due volumi...poi chissà, magari a te piace.

      Elimina
  4. Ti dirò..Condivido con te che questo capitolo è più tranquillo ma a me è piaciuto il falso finale. Mi aspettavo un libro più doloroso, ma non credo cambierei molto. poi pensaci...Se ci fosse un altro volume potremmo trovare la stessa situazione conosciuta in delirium solo col "morbo" libero. Sarebbe interessante se accadesse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci fosse un seguito lo leggerei solamente per sapere di Alex e Lena....e anche per scoprire che fine ha fatto Hana! <3

      Elimina

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sarò felice di rispondere ai vostri commenti!

Post popolari in questo blog

Recensione: serie THE DARK ELEMENTS di Jennifer Armentrout

Buon secondo giorno dell'anno.
Oggi voglio parlarvi della nuova serie della Armentrout che è sbarcata in Italia da poco grazie alla Harlequin. The Dark Elements è composta da tre volumi più un prequel. In Italia sono stati pubblicati solo il prequel e il primo volume, per ora, mentre il secondo ho dovuto per forza leggerlo in lingua, perché non potevo proprio aspettare. Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia è previsto in madre patria per il 28 luglio 2015, stando a quello che ci dice Goodreads, per cui dobbiamo aspettare per forza.




Titolo:Dolce come il miele Autore: Jennifer Armentrout
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 114
Prezzo: € 2,49

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il cons…

L'accademia del bene e del male di Soman Chainani

Buon sabato a tutti!
Ieri sono riuscita a finire di leggere L'accademia del bene e del male che mi è stato inviato dalla CE. Colgo l'occasione per ringraziare lo staff della Mondadori che è sempre molto gentile.
L'accademia del bene e del male è un libro bellissimo, non solo per la storia che racconta ma anche per la sua estetica.



Dentro la foresta primordiale  c'è un'accademia del bene e del male.  Ci sono due castelli, due teste gemelle:  uno benigno e l'altro maligno.  Prova a fuggire: le vie son bloccate.  L'unica uscita è una storia di fate
Titolo: L'accademia del bene e del male
Autore: Soman Chainani
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00 €


E MEZZO

Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette …

3 libri da leggere nel weekend: LE SETTE SORELLE, BENVENUTI IN ACCADEMIA e ORIGIN

Buon lunedì a tutti lettori! Oggi mi sento fresca e riposata.  Il mio weekend è stato fantastico, all'insegna dell'ozio più assoluto, anche se avrei dovuto studiare. Mi sono rilassata sul divano, libro in mano, la D'Urso in sottofondo (ahimè la mamma, purtroppo, è la regina del telecomando).....ah che pace. E il vostro fine settimana come è andato?

Oggi voglio parlarvi di tre libri, quindi tre mini recensioni, che secondo me sono adattissimi per il weekend e per quei giorni in cui proprio dovete staccare la spina e rilassarvi. Per tutti e tre devo ringraziare la CE per avermene inviato una copia omaggio, in particolare Giunti e Mondadori.

Titolo:Le sette sorelle Autore: Lucinda Riley Casa editrice: Giunti Pagine: 576 Prezzo: € 9.90




Trama: Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata del…