Passa ai contenuti principali

Recensione: PRODIGY di Marie Lu

Buon venerdì a tutti, oggi sono a casa da lavoro.
Ero troppo stanca per poter restare chiusa a studiare scartoffie e così ho passato il pomeriggio a poltrire: ho finito Prodigy, ho iniziato Schegge di me e ho dormito secca un paio d'ore .
Ed ora eccomi qui con una nuova recensione.
Quasi dimenticavo: ringrazio la CE per avermi inviato una copia di questo libro fantastico.


Più riguardo a Prodigy !! ANTEPRIMA !!

Titolo: Prodigy
Autore: Marie Lu
Casa editrice: Piemme
Pagine: 298
Prezzo: 16,50 €

Trama: June e Day arrivano a Vegas dopo essere miracolosamente sfuggiti all'ingiustizia della Repubblica quando l'inconcepibile accade: l'elector Primo muore e il figlio Ander prende il suo posto. Mentre la Repubblica sprofonda nel caos, i due giovani ribelli si uniscono ai patrioti nel disperato tentativo di salvare il fratello di Day, Eden. E i patrioti accettano, ma a una condizione: June e Day dovranno prima uccidere il nuovo elector. Peccato che Ander non abbia niente a che vedere con il suo crudele genitore.



Ho divorato Legend tanto in fretta che sono giunta alla fine del libro senza accorgermi che ormai mancavano pochissime pagine. Ho preso immediatamente Prodigy per capire come se la sarebbero cavata June e Day, i due prodigi della Repubblica, ormai fuggiaschi e assoldati tra le file dei patrioti. I due hanno bisogno di aiuto: Day è ferito ed è alla disperata ricerca del fratello. Ma cure e ricerche di fratellini rapiti dalla Repubblica hanno un prezzo e nemmeno modico: uccidere il nuovo Elector, Anden.
Per June e Day sembrano non esserci problemi, l'Elector è la fonte delle ingiustizie dei repubblicani, la causa delle disgrazie capitate alle famiglie di entrambi i ragazzi. Uccidere il nuovo capo del sistema sarà un gioco da ragazzi, ma in realtà non è così. Diversi elementi entrano in scena, Anden sembra non essere come lo descrivono, Day è accecato dall'odio e dalla gelosia, i patrioti hanno tutto sotto controllo, ma puzzano comunque di bruciato.
Marie Lu ci fornisce, in questo secondo capitolo, un'analisi più approfondita dei suoi protagonisti. June e Day sono totalmente cambiati, più profonde sono le loro ferite, maggiore è l'impatto che ogni evento ha sulle loro coscienze. Mentre via via che scorrono le pagine, sembra che le idee di June si facciano più chiare e definite quelle di Day, al contrario, diventano sempre più confuse: non sa più da che parte stare, non sa più chi sono i suoi nemici, non sa più qual è il suo obiettivo, se non quello di salvare il fratello più piccolo.
Anche in Prodigy troviamo lo stesso stile nervoso e veloce che ha caratterizzato Legend, un linguaggio chiaro, semplice e diretto che arriva immediatamente,  con l'alternanza dei punti di vista ora di June ora di Day. Adoro quando l'autore ci fa entrare nella testa dei suoi personaggi attraverso queste alternanze, non trovate che in questo modo si abbia una visuale più completa dell'intera vicenda? Non so ma a me piace. 
Prodigy si discosta da tutti i libri di mezzo che generalmente hanno la funzione di collegare il primo volume, introduttivo, all'ultimo, conclusivo. In questo caso l'autrice aggiunge una serie indefinita di eventi, macchinazioni, colpi di scena che non sono tipici del romanzo di mezzo e di sicuro questo libro non ne soffre la consueta crisi. Prodigy è molto di più.
E poi, quel finale.....straziante e doloroso, ma allo stesso tempo soddisfacente e perfetto. Non so se resisterò fino alla pubblicazione in italiano di Champion. E' probabile che questa sarà una delle rare eccezioni in cui concluderò la serie in lingua...non so, vedremo
Penso che Marie Lu abbia scritto uno dei migliori distopici che abbia letto: il word building è perfetto, ci sono tantissimi dettagli che riguardano l'organizzazione politica della Repubblica, il funzionamento del sistema sociale e militare, le ingiustizie, e il divario tra classi sociali sempre forte ed evidente.
Piccola pecca, ma proprio piccola, piccola riguarda l'età dei protagonisti: sì che un'ambientazione come quella di Legend e Prodigy porta a crescere in fretta, ma non si poteva dargli più di quindici anni? June e Day tengono comportamenti che non sono per niente tipici dei quindicenni.
In questo libro è tutto, o quasi, perfetto. Sono ancora un pochino emozionata e sconvolta e credo che alla fine di tutto questa trilogia mi resterà nel cuore.



Quanto mi piace questa serie. Voi che ne pensate? So che molti di voi hanno almeno letto Legend, sono io una delle poche ritardatarie che l'aveva lasciati lì a prendere polvere. Che ne pensate? Al solito fatemelo sapere nei commenti.
P.S. Questa recensione partecipa alla Mastereader organizzata da Lucrezia del blog Il libro che pulsa. Categoria: un libro uscito nel 2014.


Commenti

  1. Io ho amato alla follia Prodigy, bellissimo!! non so come farò ad aspettare champion D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awwwwwww! Mi è piaciuto tantissimo.....io credo che Champion lo leggerò in lingua.....

      Elimina
  2. Io non so come sto facendo a resistere così a lungo! Non l'ho ancora acquistato...
    Già fremevo quando ho finito Legend, ma la tua recensione mi sta facendo mangiare le mani. Me vuole. ORA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco Am! Io direi che DEVI prenderlo! Questo libro è..........wow!

      Elimina
  3. Ho letto molte recensioni su questo libro e questa mi piace davvero molto :) ...comunque ho provato "invidia" per il tuo fantastico venerdì di riposo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iris, grazie!
      Il mio venerdì di riposo è stato fantastico! Me lo sono proprio meritata!

      Elimina
  4. Sento sempre parlare bene di questa serie, appena uscirà il terzo volume la comprerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte faccio anche io come te. soprattutto se la serie riscuote molto successo. Aspetto che escano tutti e poi inizio, però mi sono ritrovata Prodigy per le mani e non ho potuto fare altro che recuperare Legend e iniziare a leggere!

      Elimina

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sarò felice di rispondere ai vostri commenti!

Post popolari in questo blog

Recensione: serie THE DARK ELEMENTS di Jennifer Armentrout

Buon secondo giorno dell'anno.
Oggi voglio parlarvi della nuova serie della Armentrout che è sbarcata in Italia da poco grazie alla Harlequin. The Dark Elements è composta da tre volumi più un prequel. In Italia sono stati pubblicati solo il prequel e il primo volume, per ora, mentre il secondo ho dovuto per forza leggerlo in lingua, perché non potevo proprio aspettare. Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia è previsto in madre patria per il 28 luglio 2015, stando a quello che ci dice Goodreads, per cui dobbiamo aspettare per forza.




Titolo:Dolce come il miele Autore: Jennifer Armentrout
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 114
Prezzo: € 2,49

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il cons…

L'accademia del bene e del male di Soman Chainani

Buon sabato a tutti!
Ieri sono riuscita a finire di leggere L'accademia del bene e del male che mi è stato inviato dalla CE. Colgo l'occasione per ringraziare lo staff della Mondadori che è sempre molto gentile.
L'accademia del bene e del male è un libro bellissimo, non solo per la storia che racconta ma anche per la sua estetica.



Dentro la foresta primordiale  c'è un'accademia del bene e del male.  Ci sono due castelli, due teste gemelle:  uno benigno e l'altro maligno.  Prova a fuggire: le vie son bloccate.  L'unica uscita è una storia di fate
Titolo: L'accademia del bene e del male
Autore: Soman Chainani
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00 €


E MEZZO

Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette …

3 libri da leggere nel weekend: LE SETTE SORELLE, BENVENUTI IN ACCADEMIA e ORIGIN

Buon lunedì a tutti lettori! Oggi mi sento fresca e riposata.  Il mio weekend è stato fantastico, all'insegna dell'ozio più assoluto, anche se avrei dovuto studiare. Mi sono rilassata sul divano, libro in mano, la D'Urso in sottofondo (ahimè la mamma, purtroppo, è la regina del telecomando).....ah che pace. E il vostro fine settimana come è andato?

Oggi voglio parlarvi di tre libri, quindi tre mini recensioni, che secondo me sono adattissimi per il weekend e per quei giorni in cui proprio dovete staccare la spina e rilassarvi. Per tutti e tre devo ringraziare la CE per avermene inviato una copia omaggio, in particolare Giunti e Mondadori.

Titolo:Le sette sorelle Autore: Lucinda Riley Casa editrice: Giunti Pagine: 576 Prezzo: € 9.90




Trama: Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata del…