Passa ai contenuti principali

Recensione: SHADOWDANCE #1: LA DANZA DEGLI INGANNI di David Dalglish

Buon pomeriggio a tutti.
Oggi voglio parlarvi dell'ennesimo libro che ci viene presentato come uno dei migliori fantasy della storia, "un mix vincente di Trono di spade, giochi di ruolo e descrizioni formidabili" (Publishers Weekly), ma che in realtà ha ben poco di tutto ciò. Solo la cover richiama una storia affascinante e ricca di intrighi, battaglie e misteri, il resto è...beh...fuffa. Basta fare un giro su Goodreads e leggere alcune delle recensioni di lettori d'oltre oceano per capire che non sono la solita schizzinosa.

Più riguardo a La danza degli inganni




Titolo: La danza degli inganni
Autore: David Dalglish
Casa editrice: Fabbri editori
Pagine: 274
Prezzo: 5,00 €

Trama: Thren Felhorn, mastro della Gilda del Ragno, è un assassino spietato, il capo indiscusso delle Gilde dei Ladri. Tutti lo temono. Persino il re Edwin Vaelor, giovane e inetto; persino il Triumvirato, l’alleanza delle tre famiglie aristocratiche più potenti dell’ intera terra del Drezel, da anni impegnate in una guerra senza quartiere con i ladri che attentano alle loro ricchezze. Ora, però, Thren ha un piano per porre fine alle ostilità una volta per tutte: vuole colpire i suoi nemici durante la grande festa del Kensgold, quando i tre patriarchi si riuniscono per festeggiare e fare sfoggio di ricchezza e potere. Anche Aaron teme Thren, e non oserebbe mai ribellarsi a lui. È il suo unico erede, il figlio che dovrà prendere il suo posto al vertice della Gilda. A otto anni Aaron ha ucciso per la prima volta, ha accoltellato il suo stesso fratello maggiore. Ora che ne ha tredici, però, il pensiero di vivere nella violenza e nell’assassinio lo disgusta. Può contare su due soli alleati: Kayla, la giovane ladra che gli ha salvato la vita, diventando così il braccio destro di Thren, e Robert Haern, l’anziano ex tutore di corte e suo precettore, che vorrebbe per il ragazzo una sorte diversa da quella che il padre gli impone. Intanto, mentre i preparativi per il Kensgold si fanno incandescenti, il patriarca Maynard Gemcroft cerca di sopravvivere ai complotti della famiglia rivale dei Kull, cui sua figlia Alyssa si è incautamente legata. Ma la ragazza dovrà scegliere da che parte stare, e lo farà sotto la guida e con l’aiuto delle Senzavolto, guerriere abilissime, dotate di capacità magiche e capaci di violare anche le fortezze più impenetrabili. 



Catturata dalla cover e incantata dalla promessa dei giochi di ruolo e delle descrizioni affascinanti, ho contatto la casa editrice, che ringrazio, per averne una copia.  Ma io lo sapevo, me lo sentivo nel profondo che avrei dovuto aspettare di leggere qualche recensione prima di avventurarmi in questo libro.
Al di là del fatto che le descrizioni non sono affascinanti ma inesistenti e al di là del fatto che paragonare La danza degli inganni al Trono di spade è un puro insulto per Martin, di questo libro posso dire che ci prova, che in alcuni momenti sembra riuscirci ma che non ce la fa mai del tutto.
A detta della sinossi dovremmo aver un protagonista centrale, un ragazzino che è costretto dal padre a diventare uno spietato assassino, ed è quello che pure un agghiacciante prologo promette. In realtà lo spazio lasciato ad Aaron è davvero poco a scapito di altri protagonisti, che avrebbero dovuto essere secondari ma che giocano, invece, il ruolo dei comprimari.
Mi sono quasi fatta violenza per finire la lettura: una noia pazzesca! Pochissima azione, poca suspense, pochissimi intrighi, alcune scene decisamente crude e violente ma che non colpiscono più di tanto perché l'autore, ve l'ho detto prima, non è Martin.
Sono riuscita a raccapezzarmi per il mondo creato da Dalglish grazie solo alla mappa iniziale perchè l'autore ci catapulta nel bel mezzo della storia senza spiegarci dove si trovano i luoghi e come è strutturato il Drezel. Ci parla di un re paranoico, di un ricco e grasso Triumvirato, di spietate Gilde dei Ladri, di sacerdoti e Senzavolto senza darci una spiegazione, senza introdurci nel mondo che si è immaginato per i suoi eroi.
E parliamo degli eroi allora: vuoti, poco caratterizzati, piatti. Marionette appese al filo della penna dell'autore, con pochissima se non nessuna personalità. Personaggi che non coinvolgono che non escono dalla carta, che non emozionano. Peccato perchè Aaron, Kayla e Alyssa hanno tanto, tantissimo da dire ma non ci riescono. Non ci raggiungono.
Dopo aver letto la sinossi mi aspettavo tutta una serie di intrighi, colpi di scena e inganni, in realtà mi sono trovata davanti una trama piuttosto semplice e quasi scontata: nessuno degli eventi narrati mi ha scioccata al punto da dire che non ci sarei mai arrivata. Beh basta questo per far cadere ogni possibile termine di parogone con il grande, immenso, sommo Martin.
In conclusione si tratta di un libro molto confuso e approssimativo, con delle carenze significative per essere quello che si propone di essere e cioè un fantasy che ha conquistato il mondo. Troppo debole.

Smile1510 on insideabookSmile1510 on insideabookSmile1510 on insideabook

Non credo che porterò avanti questa saga. Peccato, per una volta che decidono di pubblicare tutti i libri a distanza di una settimana. A me non è piaciuto e a voi? Lo avete letto? Lo leggerete?

Commenti

  1. Io ho deciso di aspettare qualche recensione del secondo per vedere come prosegue v.v sennò non la inizio nemmeno e risparmio un po di soldi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo era anche il mio progetto iniziale. Poi ha vinto la smania di avere un libro nuovo.... *^*

      Elimina
  2. Eccomi! U_U anche io ho finito di leggerlo da poco e l'ho trovato.. mm così così. La mancanza di descrizioni ha penalizzato un sacco la mia lettura. I personaggi li ho trovati caratterizzati, cioè ognuno fatto a modo suo, ma senza sentimenti.Per tutta la lettura ho sentito qualcosa che non andava in questo libro, non so. Non sono molto convinta di questa serie! E perché ha conquistato il mondo ma non noi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti dicevo su Dreaming fantasy a me non è piaciuto e l'ho trovato molto noioso. I personaggi potevano dare molto di più. Sia Kayla che Alyssa sembrano due donne decisamente forti e indipendenti, ma non passa niente, lo dedcuo io perchè immagino che sia così. Peccato.

      Elimina
  3. Beh, le premesse erano abbastanza intriganti...peccato!!! Almeno un lato positivo c'è: una serie in meno da non cominciare xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì peccato che io l'abbia già iniziata!

      Elimina
  4. E' la seconda recensione che leggo e, nonostante i pareri non positivi, questa serie continua ad attirarmi! Magari aspetterò un terzo parere e se anche quello sarà negativo lascerò perdere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, capita anche a me di leggere delle recensioni negative ma di incaponirmi su un titolo e volerlo leggere lo stesso. Prova, poi verrò a leggere che ne pensi.

      Elimina
  5. Che peccato, mi ispirava davvero tanto!
    Pensavo di comprarlo, dato il prezzo veramente basso, ma a questo punto penso di lasciare andare (a meno che la curiosità non ha la meglio!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmm non so, secondo me non è stato davvero questo gran che, e ho letto che anche Leda di Dreaming fantasy non ne è rimasta particolarmente colpita. Se poi decidi di provare fammi sapere. Verrò a leggere la tua recensione.

      Elimina
  6. Mi dispiace per questo libro, quando l'ho visto la prima volta l'ho inserito subito nella mi white list, cover stupenda, buoni presupposti e poi per caso ho letto qualche recensione e proprio come la tua dicono tutte più o meno le stesse cose. Quindi non credo che lo leggerò.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sarò felice di rispondere ai vostri commenti!

Post popolari in questo blog

L'accademia del bene e del male di Soman Chainani

Buon sabato a tutti!
Ieri sono riuscita a finire di leggere L'accademia del bene e del male che mi è stato inviato dalla CE. Colgo l'occasione per ringraziare lo staff della Mondadori che è sempre molto gentile.
L'accademia del bene e del male è un libro bellissimo, non solo per la storia che racconta ma anche per la sua estetica.



Dentro la foresta primordiale  c'è un'accademia del bene e del male.  Ci sono due castelli, due teste gemelle:  uno benigno e l'altro maligno.  Prova a fuggire: le vie son bloccate.  L'unica uscita è una storia di fate
Titolo: L'accademia del bene e del male
Autore: Soman Chainani
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00 €


E MEZZO

Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette …

Recensione: PERCY JACKSON E GLI DEI DELL'OLIMPO - IL LADRO DI FULMINI di Rick Riordan

Buona domenica lettori,
oggi voglio parlavi del primo volume della saga di Rick Riordan, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo.
Inizialmente avevo pensato di raggruppare in un unica recensione il parere sui primi due libri, ma credo che Il ladro di fulmini, come libro introduttivo, meriti un post tutto per se.


Titolo:Il ladro di fulmini
Autore: Rick Riordan
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 363
Prezzo: € 17,00 (Versione tascabile € 5,00)

Trama: Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza …

Recensione: serie THE DARK ELEMENTS di Jennifer Armentrout

Buon secondo giorno dell'anno.
Oggi voglio parlarvi della nuova serie della Armentrout che è sbarcata in Italia da poco grazie alla Harlequin. The Dark Elements è composta da tre volumi più un prequel. In Italia sono stati pubblicati solo il prequel e il primo volume, per ora, mentre il secondo ho dovuto per forza leggerlo in lingua, perché non potevo proprio aspettare. Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia è previsto in madre patria per il 28 luglio 2015, stando a quello che ci dice Goodreads, per cui dobbiamo aspettare per forza.




Titolo:Dolce come il miele Autore: Jennifer Armentrout
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 114
Prezzo: € 2,49

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il cons…