Passa ai contenuti principali

Recensione: VITA DI TARA di Graham Joyce

Buongiorno a tutti,
ormai è qualche giorno che ho ripreso a lavorare...sono ancora sotto shock dopo un mese di ferie...uff...
E voi? Avete già iniziato a lavorare? Come va il vostro ritorno alla solita routine?

Oggi voglio parlarvi di un libro che mi è stato inviato dalla casa editrice su mia richiesta (Grazie!), dopo aver letto diverse recensioni positive. La storia mi incuriosiva parecchio e così mi sono fidata del mio istinto e devo dire che, stavolta, non ho sbagliato.

Più riguardo a Vita di Tara

INVIATO DALLA CASA EDITRICE

Titolo: Vita di Tara
Autore: Graham Joyce
Casa editrice: Gargoyle
Pagine: 362
Prezzo: € 18,00

Trama: Dopo il pranzo di Natale Peter Martin riceve una telefonata concitata dal padre che gli chiede di raggiungerlo subito perché qualcosa di sorprendente è accaduto alla loro famiglia. Al suo arrivo, Peter ritrova Tara, la sorella adolescente scomparsa misteriosamente vent'anni prima. Cosa le è accaduto? E dove è stata in questi lunghi anni? La storia di Tara ha dell'incredibile: ha conosciuto uno straniero nella foresta degli Outwoods ed è stata con lui per mesi in un… mondo parallelo. Per la sua famiglia è impossibile crederle, ovviamente, eppure il corpo di Tara non è invecchiato affatto nonostante siano passati vent'anni. L'unico che sembra essere dalla sua parte è il suo primo amore, Richie, ma un uomo misterioso la pedina tentando in tutti i modi d'impedirle di riawicinarsi a lui. Spetterà allora allo psichiatra, il dottor Underwood, scoprire quali segreti nasconde la mente di Tara e riportare così ai Martin la ragazzina che avevano perduto.

INCIPIT: Nel cuore più profondo dell'Inghilterra, c'è un posto dove ogni cosa è strana, perché la terra poggia su una faglia. In questo luogo, antiche rocce erompono in superficie dalle profondità del mondo, violente come onde oceaniche che si frangono, o mostri marini che emergono per respirare. Alcuni dicono che la terra debba ancora assestarsi, che continui a rimestarsi e ad esalare vapori, e che da questi vapori sgorghino delle storie. Altri sono certi che gli antichi vulcani siano spenti da lungo tempo e che tutte le loro storie siano già state raccontate.Naturalmente, tutto dipende da chi le racconta. E' sempre così. Io ce l'ho una storia da raccontare, e benchè abbia dovuto immaginarne delle parti significative, per come l'ho vista io, è andata così.


Recensione
Vita di Tara (titolo originale: Some kind of fairy tale) è un libro abbastanza strano e abbastanza complesso. Ancora adesso, dopo diversi giorni dalla conclusione, non ho capito bene se si tratta di un fantasy oppure no.
Tara si presenta alla porta dei genitori vent'anni dopo la sua scomparsa. Il tempo per lei non sembra essere passato: sporca, trasandata e con indosso sempre un paio di occhiali scuri, Tara riappare magicamente come se niente fosse, come se vent'anni fossero passati sulla pelle di tutti tranne che sulla sua e ritorna con una storia che ha dell'incredibile, talmente assurda che nemmeno le persone a lei care, tra cui il fratello e l'ex fidanzato, possono crederle. Tara sostiene di essere stata rapita dagli elfi, ma non può darne prova. Ricorda di aver passato fuori casa solo sei mesi, cioè il tempo necessario perchè il varco tra il nostro mondo e quello degli elfi si apra, ma quando torna alla realtà si accorge che è passato decisamente più tempo.
Vita di Tara alterna diversi punti di vista e diversi narratori. C'è un narratore onnisciente di cui non conosciamo l'identità e di cui non veniamo a conoscenza nemmeno alla fine, per sua espressa volontà. Questo narratore ci racconta dei genitori di Tara, del fratello e del fidanzato, di come si svolge la vita dei protagonisti nel presente e lo sviluppo della storia. Ci sono, poi, altri narratori: Richie, l'ex fidanzato di Tara, musicista per professione ma che non è mai riuscito a sfondare, Tara stessa che racconta la sua vita nei sei mesi/vent'anni in cui è stata lontana e poi lo psichiatra di Tara: alcuni capitoli non sono altro che appunti del dottore per una futura pubblicazione.
L'alternanza di narratori e di punti di vista è riuscitissima: i capitoli si incastrano perfettamente tra di loro senza creare confusione e senza spaesare il lettore.
Una nota a parte va fatta per le doti di scrittore dell'autore: un genio. Graham Joyce accosta la realtà alla fantasia in un modo spettacolare, tanto che, come vi dicevo prima, non ho capito se la storia di Tara e degli Elfi è "vera" oppure è solo il frutto dell'elaborazione di un trauma subito da Tara nel corso della sua assenza e che le ha provocato un buco nella memoria di vent'anni. Chi ha ragione? Tara? Oppure lo psichiatra? Vita di Tara è un thriller ben scritto ma non solo: è un mistery? Un giallo? Oppure è un fantasy e lo psichiatra non ha capito nulla della sua paziente?
Io sono stata curiosissima. Non riuscivo a smettere di leggerlo, dovevo sapere come finiva, come Tara riusciva a cavarsela. 
Vita di Tara è un libro davvero molto bello, non adatto a tutti, lo ammetto, perchè al suo interno si intrecciano diverse storie, alcune autonome, altre che sono dipendenti tra di loro, ma la bravura dell'autore rende comunque la lettura piacevole e mai pesante.
Quanti di voi hanno letto questo libro? Che ne pensate? Se non lo avete letto lo farete?
Fatemelo sapere nei commenti. 

Rosy


Commenti

  1. Questo libro sta piacendo a tutti.
    Inizialmente non mi ispirava, poi ho iniziato a leggere i vari pareri e ora ce l'ho in wl!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto bello. Anche io ero un pochino titubante...avrei aspettato qualche altra recensione ma poi la CE mi ha detto che me lo avrebbe inviato e ho colto l'occasione. Merita davvero.

      Elimina
  2. L'ho letto e mi è piaciuto un sacco!! non è il classico fantasy ma è un libro completo :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo classificherei perchè appartiene un po' a tutti i generi....

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di leggerlo anche io, dovrebbe arrivarmi tra poco *-*

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sarò felice di rispondere ai vostri commenti!

Post popolari in questo blog

Recensione: serie THE DARK ELEMENTS di Jennifer Armentrout

Buon secondo giorno dell'anno.
Oggi voglio parlarvi della nuova serie della Armentrout che è sbarcata in Italia da poco grazie alla Harlequin. The Dark Elements è composta da tre volumi più un prequel. In Italia sono stati pubblicati solo il prequel e il primo volume, per ora, mentre il secondo ho dovuto per forza leggerlo in lingua, perché non potevo proprio aspettare. Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia è previsto in madre patria per il 28 luglio 2015, stando a quello che ci dice Goodreads, per cui dobbiamo aspettare per forza.




Titolo:Dolce come il miele Autore: Jennifer Armentrout
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 114
Prezzo: € 2,49

Trama: Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre... e poi l'aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il cons…

L'accademia del bene e del male di Soman Chainani

Buon sabato a tutti!
Ieri sono riuscita a finire di leggere L'accademia del bene e del male che mi è stato inviato dalla CE. Colgo l'occasione per ringraziare lo staff della Mondadori che è sempre molto gentile.
L'accademia del bene e del male è un libro bellissimo, non solo per la storia che racconta ma anche per la sua estetica.



Dentro la foresta primordiale  c'è un'accademia del bene e del male.  Ci sono due castelli, due teste gemelle:  uno benigno e l'altro maligno.  Prova a fuggire: le vie son bloccate.  L'unica uscita è una storia di fate
Titolo: L'accademia del bene e del male
Autore: Soman Chainani
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00 €


E MEZZO

Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette …

3 libri da leggere nel weekend: LE SETTE SORELLE, BENVENUTI IN ACCADEMIA e ORIGIN

Buon lunedì a tutti lettori! Oggi mi sento fresca e riposata.  Il mio weekend è stato fantastico, all'insegna dell'ozio più assoluto, anche se avrei dovuto studiare. Mi sono rilassata sul divano, libro in mano, la D'Urso in sottofondo (ahimè la mamma, purtroppo, è la regina del telecomando).....ah che pace. E il vostro fine settimana come è andato?

Oggi voglio parlarvi di tre libri, quindi tre mini recensioni, che secondo me sono adattissimi per il weekend e per quei giorni in cui proprio dovete staccare la spina e rilassarvi. Per tutti e tre devo ringraziare la CE per avermene inviato una copia omaggio, in particolare Giunti e Mondadori.

Titolo:Le sette sorelle Autore: Lucinda Riley Casa editrice: Giunti Pagine: 576 Prezzo: € 9.90




Trama: Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata del…